Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Rommel e le infiltrazioni

Rommel e le infiltrazioni

Nel 1917 Erwin Rommel ha il grado di tenente nell’esercito tedesco e comanda due compagnie del battaglione di montagna del Wurttemberg.  Nel corso della battaglia di Caporetto,  guida i suoi 400 uomini in un’operazione da manuale, applicando la nuova tattica dell’infiltrazione oltre le linee nemiche, ...

Leggi tutto

Badoglio a Caporetto

Badoglio a Caporetto

Pietro Badoglio, che ancora non ha portato a termine l’ordine di Cadorna di spostare la sua diciannovesima divisione a ovest dell’Isonzo, in posizione difensiva,  il 23 ottobre del 1917, alla vigilia dell’attacco austro-tedesco,  decide di  spostare  il suo comando in un villaggio di fondo valle.  ...

Leggi tutto

Pietro Badoglio

Pietro Badoglio

Durante la battaglia di Caporetto Pietro Badoglio è a capo del XXVII corpo d’armata che presiede  un settore del fronte strategicamente fondamentale.  Il suo  cedimento è tra le ragioni dell’immediato sfondamento austro-tedesco.  Ciononostante, il neo generale  esce dalla disfatta con una medaglia ...

Leggi tutto

Il Giornale di guerra e di prigionia di Carlo Emilio Gadda

Il Giornale di guerra e di prigionia di Carlo Emilio Gadda

Nel giugno del 1915 il ventunenne Carlo Emilio Gadda deve interrompere gli studi di ingegneria per andare a combattere tra gli alpini, prima in Trentino e poi sul Carso.  Il futuro scrittore immagina di dover affrontare difficili prove di coraggio e di disciplina ma in realtà non ha idea di ciò che ...

Leggi tutto

Piero Jahier, "Con me e con gli alpini"

Piero Jahier, Con me e con gli alpini

Piero Jahier è uno dei giovani intellettuali interventisti de “La Voce” che nel 1915 parte volontario per il fronte con il grado di sottotenente.  Dopo Caporetto viene incaricato di dirigere “L’Astico, Giornale delle trincee” con il quale, facendo appello ai valori dell’attaccamento alla terra e alla ...

Leggi tutto

Ungaretti legge "I Fiumi"

Ungaretti legge I Fiumi

I FIUMI (Cotici il 16 agosto 1916) Mi tengo a quest’albero mutilato Abbandonato in questa dolina Che ha il languore Di un circo Prima o dopo lo spettacolo E guardo Il passaggio quieto Delle nuvole sulla luna Stamani mi sono disteso In un’urna d’acqua E come una reliquia Ho ...

Leggi tutto

Ungaretti e la poesia in trincea

Ungaretti e la poesia in trincea

Le poesie che Ungaretti scrive in trincea tra il 1915 e il 1916 sono tra le più memorabili della sua intera produzione.   Tornato in Italia da Parigi allo scoppio del conflitto, Ungaretti, fervente interventista, si arruola volontario nel maggio del 1915.  Pochi mesi al fronte sono sufficienti per ...

Leggi tutto

La strafexpedition

La strafexpedition

L’inizio di giugno del 1916 mette fine a un’altra illusione.  Stavolta l’errore di calcolo e` quello del capo di stato maggiore austriaco generale Conrad che, pur non potendo contare sull’appoggio dei tedeschi, ritiene di poter ottenere la vittoria decisiva sugli italiani, attaccandoli dal Trentino.  ...

Leggi tutto

Il fronte italiano

Il fronte italiano

Sul fronte  piu` difficile della Grande Guerra dal punto di vista orografico e climatico, nelle prime settimane del conflitto, l’esercito italiano, ancora male armato ed equipaggiato, lascia che le forze austro-ungariche arretrino strategicamente su posizioni che si riveleranno virtualmente imprendibili.  ...

Leggi tutto

La fine della neutralita` italiana

La fine della neutralita` italiana

All’inizio del 1915, a fronte di una situazione bellica bloccata sul fronte occidentale, entrambi gli schieramenti intensificano gli sforzi per far uscire l’Italia dalla neutralita`.  Allo stesso tempo, Salandra e Sonnino assistono alle difficoltà austriache nei Carpazi e alla nuova offensiva inglese ...

Leggi tutto